Lo spazio di Atena

Versipelle

Maria Consiglia Alvino
Matilde Cesaro
Floriana Coppola
Beatrice Orsini
Silvana Pasanisi
Lucia Triolo

Presentazione

I principi, i valori ultimi (o primi, dipende dall’ottica) non sono suscettibili di giustificazione. Così è di questa rubrica. La domanda: perché lo “Spazio di Atena”, non riceverà risposta. Il femminile che vi è insieme racchiuso e sprigionato non trova altra ragion d’essere che in sé stesso: «Madre che mi abbia generato io non l’ho». Così l’Atena delle Eumenidi nel decretare l’assoluzione di Oreste. A questa assenza di generazione, a questa sorta di autogenesi, si vorrebbe appunto intestare questo spazio.

Vi si troveranno testi, parole di donne che leggono testi, parole di altre donne, o meglio, con più profondità, che le guardano, le scrutano, se del caso, le rovesciano come un guanto per assimilarle, per parlare con loro (anche se alcune di esse non ci sono più, il dialogo è vivo egualmente), per amarle, odiarle (!?)…

View original post 516 altre parole