Singhiozzo, singhiozzo

“Oggi il giorno 
mi guarda con occhi bianchi”
Barbara Korun: “Seamus Cody, armatore e commerciante, 
sta diventando cieco
Galway, Irlanda, fine del 19°secolo”

I

scansando appena rottami di cuore
poi inciampandovi stretto

mira bene ai
tuoi miti
colpisci il più segreto lì dove
il frumento indora

si percepiscono 
le parti?
dove le indossano

II

             gli dei?
stamani veniva difficile 
vivere 
al burattino


non più del solito forse: una pulizia sciatta ferma
sul disagio
sfiducia una libertà perduta
occhiate in tralice da occhi bianchi
a chi chiede aiuto

           che tempo è questo?

          non sia vero quel che s’è detto
quel parlottio è cattivo


come chi sta diventando troppo
anche ai suoi sussulti
il giorno chiuso dall’interno sbatteva in faccia

III

la porta 
all’unica domanda
ammorbata da sempre
di quotidiano

e la rispediva fuori
trafitta da fiori secchi e folli.

Anche la carne in maschera
ad entrare dentro
a profanare come in una ferita
fino all’apparenza

IV

                      di un’appartenenza

chi? deve ancora imparare a
mettere i tasselli tra due o tre vite
che passerei così

e quella luna!
sempre in amore

One thought on “Singhiozzo, singhiozzo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: