presagi obliqui

presagi obliqui
giacche vuote strette a
impronte dita

affilata atmosfera
segava l’osso alle parole

disteso sul tuo magma
senza volto
oggetto fra tanti
quasi
fossero loro le dita
che ti toccavano
era tua anche la loro polvere

spaccavi pause come legna
laggiù
nel crollo veloce della notte

laggiù
dove l’ombra è rotonda
senza nome

Wassily Kandinsky, “Upward”, 1929, Oil on cardboard


2 pensieri riguardo “presagi obliqui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: