Letture da Anne Sexton

Versipelle

Lo spazio di Atena
di
  Lucia Triolo

La fatica poetica di Anne Sexton è scrittura che non può stare tra le dita. Ti balza subito nel cuore, si inchioda nella carne, invade ogni modo della ragione. Anne Sexton si espone per intero alla parola. È possibile dire di lei, come lei avrebbe voluto essere detta? Il baratro dell’inadeguatezza è sotto i piedi di chi vuole dirne.

Provare a dirne la donna, il corpo, la poetessa, il personaggio significa addentrarsi in un dedalo di meraviglie da cui è difficile districarsi e da cui, soprattutto, non viene voglia di districarsi. Almeno fino a quando dai meandri di oscure profondità non balzerà in piena luce (per essere affrontata e risolta o, quanto meno, messa a fuoco) la seduzione dell’incesto[1], deflagrante tentazione dell’io: peccato da cui riscattarsi, ma prima ancora peccato la cui soddisfazione dà pienezza d’amore: l’incesto, nel desiderio, come…

View original post 2.322 altre parole

3 pensieri riguardo “Letture da Anne Sexton

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: