grigiore

ti si rovescia addosso il banco delle astinenze
sali giorno per giorno
da un gradino all’altro di quel buco stridulo
dove in noi divorziano i sentimenti

quando sei solo e
hai paura di te
ripensi all’infanzia

la tua mano in quella materna

un fil-rouge
ti scorta tra i giorni e la gente
figure di un adesso in picchiata
implacato fantasma i desideri natii

il disastro a scalare generazioni d’aria fumosa
seduti su un malinteso
il grigiore nei polpastrelli

ti conosco: in bilico
noi contro noi!

contro quel chi del silenzio

Pablo Picasso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: