Fiorita come la lussuria di Joyce Mansour

Versipelle

Lo spazio di Atena
di
  Beatrice Orsini

Inglese di nascita e francese d’adozione, la Mansour trascorre lunghi periodi della sua vita in Egitto, dove la sua famiglia d’origine faceva parte di una colonia britannica e dove si sposerà, in seconde nozze, con il francese Samir Mansour, di cui prenderà il cognome. E proprio a Parigi l’autrice pubblica la sua prima raccolta poetica, decretando il francese come lingua per la sua scrittura.

Una scrittura densa di richiami simbolici e riferimenti surreali, anche quando tocca – e senza mezzi termini – la carnalità del corpo e dell’incontro uomo/donna; proprio da questo incontro scaturisce tutta la tensione erotica della poetessa, che non ripiega mai in un rapporto consolatorio o incline ad una sorta di idillio romantico. Al contrario, la sessualità – pervicacemente ricercata e affrontata – si configura come terreno di battaglia, luogo di incontro e scontro con l’altro sesso, spazio di messa…

View original post 208 altre parole

2 pensieri riguardo “Fiorita come la lussuria di Joyce Mansour

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: