Lucia Triolo, “Dedica”

Versipelle

Da poeta a poeta
Gabriella Paci recensisce “Dedica” di Lucia Triolo

“Dedica” di Lucia Triolo coglie di sorpresa già a partire dal titolo della raccolta: de-dico in latino significa dedicare ma anche dichiarare ed in effetti la sua raccolta è un rivolgersi all’altro e quindi dichiarare il suo io nella ricerca di alterità. La sua anima siciliana si svela nell’inganno, di pirandelliana memoria, della molteplicità dell’essere e del ritrovarsi, per questo, nelle sfaccettature degli altri per ricomporre, se possibile, una propria identità che tuttavia sfugge appena si pensa di averla assemblata. La parola poetica, in questo senso, diventa il mezzo per conoscere e farsi conoscere e riconoscersi o perdersi negli altri in un caleidoscopio di pezzi che si compongono e scompongono in un clima di surreale realtà: per questo essa diventa quasi un flusso di pensiero, un connubio che resta irrisolto di parola-vita” .”un’altra vita / chiede / il suo…

View original post 399 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: