avida alba

avida è l’alba
di tutto ciò che
non è notte

limite frammentato, non ne esci
un’ angoscia come di miseria
aggredisce:
ogni domanda disperde 
in mille pezzi

non basta la tavola imbandita
della sera prima
risa condite di indifferenza 
resto di debole felicità che pur seduce e inganna
come melone triste in piatto

ruba a luce profonda che si spegne
poi si interra e scompare
Giochiamo ancora? chiedi
di rimando una voce
“siii! hai ancora voglia di indovinelli”

sobbalzi: chi parla tra gli amati?
chi sa?
non è amica voce: fa cose tristi
tende tranelli uccide
e morte non distrae
la morte tace 

avida è l’alba
di tutto ciò che
non è notte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: