la mia fretta

la mia fretta di passato
brucia tutti i silenzi

tu abbandoni anche
l’ultimo avamposto sul giorno
oggi non fai più il nodo alla cravatta
la camicia è aperta sul collo
su quella peluria appena visibile
che si sorprende ebbra.

Accogli l’agguato che
ti tendo: precipita dentro la rete
di ciò che non fummo capaci di vivere
la mia è una fretta
collerica
sogna ancora
di acciuffare per i capelli i fauni
disobbedienti
di attraversare l’amore su un manico di scopa

sogna le increspature nomadi
della nostalgia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: